• Homepage

    Torna alla pagina iniziale

  • Focus

    Gli approfondimenti, le recensioni, le prove.

  • Flash

    Le notizie e gli aggiornamenti più veloci.

  • Videogiochi

    Il cuore del database.

  • Newsletter

    I nostri appuntamenti settimanali e mensili.

Uscite imminenti

I prossimi titoli in uscita.

Flintlock: The Siege of Dawn

18 Luglio 2024

Schim

18 Luglio 2024
Carica altro
Seguiti
Lista di lettura
espandi
chiudi

I contenuti dei videogiochi che segui appariranno qui. Per usare questa funzione è necessario avere un account.

I contenuti che hai salvato appariranno qui. Per usare questa funzione è necessario avere un account.

Entra
Registrati
Recensione calcolo...

La recensione di Autopsy Simulator

Il simulatore di Woodland Games si lascia trasportare dai più triti stereotipi collegati alla morte e alla figura dell’anatomopatologo, scadendo in una disturbante morbosità.

13 Giugno 2024, alle 12:06

“Poi si lamentano se li picchiano in corsia”. “Auguro a loro di rifare lo stesso balletto all’autopsia di una persona a cui volevano bene”. “Si propone perizia psichiatrica”. Queste sono soltanto alcune delle frasi che si possono leggere nella sezione commenti a corredo del video YouTube (illegalmente condiviso qualche settimana fa) riguardante una sessione autoptica tenuta nell’ambito del corso nazionale della Società Italiana di Medicina Legale. Mentre alcuni medici effettuano una autopsia dimostrativa su un corpo umano donato per scopi scientifici, molti tra i partecipanti al corso ballano il celebre Gioca Jouer di Claudio Cecchetto. È bene precisare che il video è stato effettuato e divulgato illegalmente ed è al momento al vaglio delle autorità competenti.

La vicenda è interessante perché ha scatenato uno scandalo curioso, senza precedenti: gli utenti di TikTok, YouTube e altre piattaforme su cui il video è stato pubblicato hanno reagito con violenza, attaccando i medici con commenti spesso brutali. La spensieratezza del Gioca Jouer ha cozzato con forza con la realtà della morte e dell’autopsia, oltre che con l’immagine mentale che molti di noi hanno dell’anatomopatologo: una persona (probabilmente un uomo, nell’immaginario collettivo) seriosa, magari di una certa età, calata in un ruolo tragico e solenne. Gli sceneggiati televisivi e tanti romanzi dell’orrore hanno anche contribuito a questa visione imprimendole una direzione preoccupante: si è dipinto il medico legale come un soggetto morbosamente attaccato ai morti, innamorato dei loro tessuti, delle viscere, degli organi da estrarre, pesare, sezionare, dei fluidi corporei da analizzare, in una vicinanza al defunto che si fa innaturale e segno di squilibrio mentale. In fondo, chi vorrebbe mai mettere le mani nel corpo di un morto, in una società che fin da piccini rimuove la visione della morte e della malattia dal discorso pubblico, convincendoci della possibilità di vivere per sempre giovani? Basta comprare questo o quel prodotto: guarda come è potente questa crema anti-età…

Per tali ragioni, Autopsy Simulator risulta forse meno disturbante per la gran parte di noi rispetto al video in cui vediamo dei medici ballare allegri il Gioca Jouer. Il videogioco di simulazione di autopsia prodotto da Woodland Games ci cala nei panni di Jack, un medico legale sull’orlo della follia. Durante l’autopsia di una donna, Jack trova nel suo corpo l’anello di fidanzamento di sua moglie Kate, scomparsa molti anni prima. Il mistero si dipana nell’arco di circa cinque ore, e va detto che sarebbe stato meglio limitarsi alla parte simulativa: la storia di Autopsy Simulator si conclude bruscamente così come è cominciata, tanto che ho dubitato della completezza del lavoro degli sviluppatori, minato da una narrazione condotta in maniera davvero poco sapiente e attenta.

Nel frattempo, ho dovuto fare i conti con l’evidente squilibrio mentale di Jack. Tutto molto familiare, per chi ritiene che il medico legale sia un soggetto certamente malato: come scrivevo poco fa, chi vorrebbe mai mettere le mani nella cassa toracica di una persona morta da settimane? Sono stata costretta a sopportare le continue dimenticanze del medico, che abusa di psicofarmaci per tenere sotto controllo l’ansia e il dolore per la perdita della moglie, e ha una spiccata tendenza a dimenticare di mettere la videocamera sul cavalletto davanti al tavolo autoptico. Non si può far nulla per migliorare la situazione: ogni autopsia, ogni vicenda del gioco è posta su binari rigidissimi. Se non altro, l’idea di giustificare le autopsie estremamente guidate e il commento vocale di Jack su ogni step con la registrazione di videolezioni per gli studenti risulta accettabile. All’ennesima, insopportabile dimenticanza del protagonista, però, la mia pazienza e la mia sospensione dell’incredulità sono state messe a durissima prova.

Ancor meno tollerabili sono gli stereotipi dell’orrore messi in campo da Woodland Games. In caso di errori nel corso dell’autopsia, Jack inizierà a mormorare che si sente a disagio e la visuale si farà sfocata. Unico modo per proseguire è lasciare il tavolo autoptico, recarsi in bagno e assumere psicofarmaci. Ho trovato nel migliore dei casi di cattivo gusto, e nel peggiore pericolosa, una simile tremenda semplificazione della malattia mentale, e non indugerò oltre su questo aspetto del gioco. Sull’associazione tra cadaveri da analizzare per lavoro e orrore, invece, posso soltanto dire che mi piacerebbe che si lavorasse un po’ nel discorso pubblico e nella rappresentazione artistica per raggiungere un rapporto più salutare e fisiologico con la realtà biologica della morte, tutt’altro che estranea alle nostre vite. Sono sicura che ne beneficeremmo tutti.

Autopsy Simulator funziona al suo meglio quando Jack fa il suo lavoro, ossia nelle fasi di simulazione delle autopsie. Il team ha dichiarato di essersi avvalso della consulenza di anatomopatologi e medici legali. Non ho alcun dubbio su questo: la ricostruzione delle fasi dell’autopsia e della compilazione dei dati relativi al soggetto esaminato risultano precise e realistiche, il che è un bene per un titolo che si propone come un simulatore di questo lavoro nobile e complesso. È il contorno a non funzionare: le pillole, la morbosità, l’orrore associato a quelli che, in fin dei conti, siamo soltanto noi esseri umani. Non credo che qualcuno tra noi vorrebbe essere considerato come un ammasso di carne rivoltante e indesiderabile quando giungerà il momento (inevitabile e naturale) della nostra morte.

Se non altro, Autopsy Simulator offre ricco materiale di discussione per chi vuole riflettere sul rapporto che la nostra società capitalista ha con la morte. Il morto non è più in grado di lavorare, produrre e consumare costose creme anti-età. Anche il suo corpo, però, verrà sfruttato in un ultimo, clamoroso rigurgito di abuso capitalista: vi consiglio di fare una ricerca su internet per scoprire qual è il costo medio di un funerale negli Stati Uniti d’America, e come molte case funerarie propongano costosissimi (e incredibilmente dannosi per l’ambiente) trattamenti di imbalsamazione del corpo del defunto, allontanando in ogni modo possibile le famiglie dalla gestione di quella che è, a tutti gli effetti, una persona cara, non materiale radioattivo da bonificare. Abbiamo molta strada da fare affinché la nostra società raggiunga un punto d’incontro sereno con la realtà biologica della morte. Nel frattempo, in molti troveranno biecamente confortanti nella loro insulsa morbosità prodotti come Autopsy Simulator, e sospetto che continueranno a indignarsi contro i medici del Gioca Jouer.

atacore.it
5

Parliamo di

Videogioco

Autopsy Simulator

06 Giugno 2024

Flash

Le ultime notizie.

Per non perderti niente

Su Telegram scriviamo quasi tutto: puoi seguirci anche lì.

Canale Telegram
Hai trovato un errore in questo contenuto, o vuoi segnalarci altro? Vuoi segnalare qualcosa?

Siamo anche su Telegram

Abbiamo un canale Telegram dove scriviamo più o meno tutto quello che pubblichiamo sul sito. Ci puoi seguire anche lì per non perdere mai niente delle cose più importanti.

Ci si arriva da questo tasto qui sotto.

Canale Telegram
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
Passo 1 di 2
Hai già un account? .

Registrati

Creando un account avrai accesso alle principali funzioni del sito.
Potrai commentare le notizie, seguire i tuoi titoli preferiti, salvare i contenuti per una lettura successiva, iscriverti alle nostre newsletter.

Cominciamo da qui con le informazioni principali. Bastano pochi secondi e hai fatto.

L'email che userai per accedere al sito.
Serve per i commenti che scriverai sul sito, e puoi anche usarlo per effettuare il login.
Scegli una password sicura e difficile da indovinare.
Fai clic o trascina il file su quest'area per caricarlo.
Qui puoi caricare un'immagine per il tuo profilo. Sarà il tuo avatar per i commenti.
Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
Hai dimenticato la password? Puoi reimpostarla da qui.
Ricordami
Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Reimposta la password

Se hai dimenticato la password, puoi usare questo modulo per reimpostarla.

Inserisci qui sotto il tuo nome utente o il tuo indirizzo email: riceverai via email un link per scegliere una nuova password.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Invia una segnalazione

Se hai trovato un errore, un bug, informazioni incomplete o non corrette, o vuoi segnalarci qualsiasi altra cosa su questa pagina o altrove sul sito, compila questo form.

Dacci qualche dettaglio per poter elaborare la tua segnalazione.
Privacy
0